mercoledì 13 aprile 2011

Ludwig van Beethoven. Sinfonia n° 3, "Eroica". Mi bemolle maggiore, op.55

Ludwig vam Beethoven


Le nove Sinfonie  di Beethoven costituiscono uno dei capisaldi della produzione e del repertorio sinfonico.
Grazie ad un lavoro innovatore di strutturazione timbrica ed alle sue implicazioni extramusicali, l"Eroica" modifica l'ordine formale dello stile sinfonico classico: a partire dalla terza, le sinfonia del musicista ebbero proporzioni e durata superiori a quelle di Haydn e di Mozart.
Beethoven estese le dimensioni dei vari tempi dispiegando i contrasti e le opposizioni tra i vari elementi.
L'organico dell'orchestra è quello delle ultime produzioni sinfoniche di Haydn e di Mozart:,2 flauti, 2 oboi, 2 clarinetti, 2 fagotti, 2 corni, 2 trombe, timpani e archi. Vi aggiunse un terzo corno nell"Eroica";1 ottavino, 1 contrafagotto e tre tromboni nella quinta Sinfonia; 1 ottavino e 2 tromboni nella "Pastorale"; 1 ottavino, 1 contrafagotto, 2 corni, 2 tromboni e percussioni nella nona sinfonia.
Il musicista esaltò l'individualità timbrica di ciascun strumento con effetti che, alla sua epoca, parvero rivoluzionari. Tipico in tal senso è lo "stile spezzato" che compare la prima volta nella terza sinfonia e che consiste con lo svolgere la melodia facendola passare da uno strumento all'altro.
L'"Eroica",  eseguita in pubblico per la prima volta al teatro An der Wien il 7 aprile 1805, non riscosse che scarso successo; i critici la giudicarono interminabile, sovraccarica, incomprensibile.
Costituisce il movimento iniziale della sinfonia un Allegro con brio; la sua stessa lunghezza è una prova della volontà di Beethoven di mettere in atto quel processo di espansione formale. Questo dilatarsi delle dimensioni ha come conseguenza una proliferazione delle cellule tematiche cui segue la loro condensazione, tanto che non è sempre facile rintracciare l'identità del tema dominante.
All'Adagio tradizionale, il 2° movimento sostituisce una Marcia funebre le cui due sezioni estreme in do minore incorniciano un episodio centrale in do maggiore.
Lo Scherzo, il terzo movimento che sostituisce il "vecchio" minuetto, è un brano dal ritmo vivace e regolare, di cui Beethoven ha attinto il tema principale da una canzone popolare. Il trio centrale vede dialogate tre corni.
Il finale, Allegro molto, costruito principalmente su un tema già utilizzato alla fine del balletto Le creature di Prometeo e sviluppato come una passacaglia, intreccia dodici variazioni su questo tema, con stupefacente libertà inventiva.
L'"Eroica " è la sinfonia in cui si dispiega pienamente la personalità di Beethoven, essa sarebbe nata dall'ammirazione del musicista per la personalità di Napoleone, primo Console della Repubblica francese e quindi difensore dell'ideale repubblicano, ma dopo deluso che Bonaparte si fu autoproclamato imperatore dei francesi, il musicista mutò la dedica e in testa alla partitura scrisse: "per festeggiare il sovvenire di un grand' uomo" dedicandola al principe Lobkowitz.
Ma nonostante il pentimento e la correzione, la terza sinfonia ha il significato di un'alta esaltazione della grandezza eroica.